Ok, curiosi paparazzi del cyberspazio Lelemora della Mascazza ve lo dico e ve lo racconto per filo e per segno dove mi trovo.

 

Sono a Mondou, cercate su Google Earth se avete voglia, qui c’e’ la sede operativa del progetto in cui sono inserito. L’ufficio si trova sulla via principale, due adesivi su un cancello vi dicono che siete arrivati, bussate e la guardia in servizio 24/24 vi dira’ una cosa simile a “Votre nom s’il vous plait”. Entrati troverete un cortile sgarruppato con pezzi di motore, serbatoi per l’acqua, macchine parcheggiate che impediscono l’accesso alla piccola veranda. All’interno un grande ambiente comprende recepiton librerie e tavoli per sedersi e appoggiare materiale, alla sinistra l’ufficio che dividero’ con altre 3 persone e dell’altro lato l’ufficio dell’Amministratice e del capoprogetto. Corrente, acqua e internet via satellite dovrebbero assicurare tutti i comfort.

Poco prima del cancello c’e’ una porta blu, l’avete notata? Ecco, li’ dentro c’e’ la casa dove vivono alcuni espatriati, si chiamano cosi’ quelli che lavorano sul posto per le ONG. Entrate, la porta e’ aperta, il ragazzino che vende la frutta davanti ha un accordo per stoccare la merce da noi, si accede ad un corridoio che da prima su un giardino interno delimitato dalla veranda e dal magazzino e se si continua dietro si arriva all’orto, al pollaio temporaneo e alla seconda casa.

Casa mia, che poi e’ anche casa di Roberta, giovane veterinaria calabrese, e’ costituita da 3 stanze in fila piu’ bagno. Prima stanza, cucina, non cercate la stufa perche’ e’ fuori in veranda per via del caldo, aprite la porta e entrate in camera mia dove, alla vostra sinistra trovate il bagno, continuate dritti e trovate la camera di Roberta. No, non fate i conti, due persone, due camere un bagno, nella mia stanza….per evitare il disagio e’ stato creato un corridoio tirando un filo nella mia stanza e appoggiandoci sopra un pesante drappo-corridoio. Imbarazzi risolti e pudori sanati…ma che caldo il drappo!

La casa e’ dotata inoltre di lavatrice e lavastoviglie….che poi sarebbero la stessa persona.


Published

Category

old_blog, Tchad, Uncategorized

Connect